Lo Zingiberg (zenzero è il nome italiano) è il nome di una pianta perenne appartenente alla famiglia delle Zingiberacee e originaria dell’Asia orientale, comunemente conosciuta anche col nome di ginger.

La pianta da cui si ricava questa sorprendente spezia ha l’aspetto e il portamento di una canna, con i tipici rizomi orizzontali, nodosi e ramificati, che sono quelli che noi conosciamo e che possiamo trovare anche al supermercato, inconfondibili per aspetto e odore.

Da millenni questa spezia è impiegata da cinesi e indiani per molteplici utilizzi, non ultimo per le sue proprietà medicinali.

Anticamente lo zenzero costituiva materia prima di molti scambi commerciali ed era conosciuto solo essiccato, oggi però la sua coltivazione si è diffusa in molti paesi caldi come Brasile, Indonesia, Tailandia, Africa, Messico e Perù; il maggiore produttore indiscusso resta l’India che riesce a rifornire più del 35% della produzione mondiale.

Lo zenzero contiene per il 50% amido, 9% di proteine, 6-8% di lipidi, oli essenziali, niacina e vitamina E.

Per scoprire insieme tutte le proprietà dello zenzero dobbiamo rifarci alla medicina cinese, secondo la quale l’autunno sarebbe la stagione più propizia per sfruttare le proprietà riscaldanti dello zenzero che, grazie al suo sapore piccante, aiuta a combattere il freddo, stimola la sudorazione e favorisce l’espulsione delle scorie.

Ma lo zenzero non è soltanto un valido alleato della medicina ma anche un ottimo ingrediente per squisite ed esotiche ricette e componente indispensabile per la cura della nostra bellezza.

Rimedio antico e ancora oggi popolare in Cina e Giappone. Si usa contro i dolori muscolari e articolari, come artrite e mal di schiena, ma anche torcicollo, dolori mestruali, strappi e distorsioni.

Secondo la visione medica basata su Yin e Yang, il ristagno energetico in alcune parti del corpo causa dolore, oppure accumuli di liquidi e logoramento della vitalità e della funzione. Spiega Mikio Kushi, uno dei padri della macrobiotica: con gli impacchi di zenzero «gli umori corporei ricominciano a circolare e piano piano tutti i tessuti trattati vengono irrorati da sangue nuovo, che li purifica e li nutre. Gradatamente i tessuti ringiovaniscono, si ammorbidiscono e si rivitalizzano».

Impacco di zenzero

Questi impacchi sono utili per stimolare la circolazione del sangue  negli arti inferiori o superiori  in caso di scarsa circolazione ematica; sono anche da applicare sulle articolazioni dolenti  per presenza di Freddo e Umidità ; alleviano i dolori reumatici.

Precauzioni: non si devono applicare sulla testa, nelle donne incinte, in caso di tagli e ferite o infiammazioni, in caso di malattie polmonari, in caso di febbre alta e in qualsiasi tipo di lesione di traumatica.

Ecco come si procede.
Prima di tutto bisogna preparare l’acqua di zenzero.

– Grattuggiate circa 100 grammi di radice di zenzero fresca. Mettete il tutto in un sacchettino di cotone e chiudete con un nastro.

– Immergetelo in quattro litri di acqua caldissima ma non bollente (circa 70°: non fate mai bollire lo zenzero).

– Lasciate il sacchetto a bagno qualche minuto, spremendolo un poco ogni tanto.

Come si applica.

Una volta preparata, l’acqua di zenzero si usa subito quando è ancora calda.

Prendete un panno da cucina o un piccolo asciugamano e immergetelo nell’acqua, strizzate e applicate sulla parte dolente. L’acqua deve essere ancora fumante, ovviamente non così tanto da provocare ustioni.

In genere, il trattamento è di 20-30 minuti. Ogni tanto bisogna cambiare impacco, perché avrà perso calore. Lo facciamo immergendo di nuovo il canovaccio nell’acqua calda, per 6-10 volte. Se il dolore è forte, si può ripetere più volte al giorno.

L’acqua di zenzero si può anche usare per un bagno rinvigorente, oppure per un pediluvio serale (favorisce il sonno).

Per gli stessi problemi un altro rimedio utile è l’olio di sesamo allo zenzero.

Si applica sulla parte dolente subito dopo gli impacchi di zenzero, perché ne prolunga l’azione. Si prepara al momento.

2010-03-24-ingwer-02-2

Olio allo zenzero

– Bisogna grattuggiare e spremere lo zenzero fino ad ottenere un cucchiaino di succo (se sulla pelle causa irritazione anche di meno). Lo si unisce a un cucchiaino di olio di sesamo.

L’olio di sesamo con zenzero è indicato per le artriti, i dolori muscolari, le nevralgie e anche contro il mal di testa. Si può usare come olio da massaggio in caso di indurimenti articolari.

Succo di zenzero fresco  mescolato con olio di sesamo nella caduta dei capelli

La miscela di olio di sesamo e succo di zenzero, preparata in modo estemporaneo, è anche utile  per massaggiare il cuoio capelluto in caso di caduta dei capelli in persone stanche e indebolite, a patto che non ci siano manifestazioni di Calore, a livello del cuoio capelluto (arrossamento, calore, sudore)  o interno ( infiammazioni, bruciore, sensazione di calore…).

Se dà un senso di eccessivo bruciore ridurre la proporzione di zenzero.

zenzero-oli-essenziali.png

Bevanda di Zenzero

Attiva la circolazione del sangue, dà sollievo quando sono presenti dolori intestinali da ingestione di cibi freddi, per il raffreddore.

Come si prepara:

Bollite un pezzo di zenzero grosso come una noce, sbucciato e tagliato a pezzetti, in mezzo litro d’acqua per 15 minuti; colate il liquido e bevetelo caldo. Talvolta si può aggiungere un poco di Malto di Riso.

Zenzero3

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per il suo funzionamento e per le opzioni di condivisione sui social. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su Maggiori Informazioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento ne acconsenti l\'uso. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi