Impariamo il Kaoshikii, la danza yogica!

VENERDì 25 NOVEMBRE 

dalle ore 19 alle 20
WORKSHOP GRATUITO per imparare questa facile danza terapeutica dello Yoga.
Una volta imparati i movimenti potete praticarli anche da soli a casa o all’aperto anche solo per pochi minuti con effetti straordinari!!

L’esperienza del corpo e della danza come espressione del proprio ordine interiore è un modo per mettere in relazione i sentimenti con il bisogno di prenderne consapevolezza ed esprimerli.

La ritmicità è una costante dell’equilibrio dei processi fisiologici che sono alla base della vita, degli equilibri biologici e psicofisici. Ritmo-movimento, movimento-ritmo, sincronizzatore attività motoria, concentrazione e deconcentrazione mentale a seconda che si voglia una fase attiva di impegno muscolare o di rilassamento completo muscolare e nervoso, diminuzione dell’ansia e della sua somatizzazione. Il ritmo ed il movimento portano in espressione tutto il nostro essere, creando una piacevole sensazione di gioia… tutto questo avviene nella danza… Ma non meno importanti sono i benefici spirituali che le danze dello Yoga ci procurano se eseguite regolarmente.

Kaoshikii   (lit. rifiorire)  è una danza creata da Shrii Shrii Anandamurti Sia i movimenti presi singolarmente che la loro sequenza nella danza hanno ottimi effetti per l’equilibrio psico – fisico -spirituale  dei bambini e delle donne ma sono ugualmente utili anche per gli uomini . Durante l’esecuzione  si suggerisce ai bambini di immaginare di essere come un fiore che sta sbocciando, come un’anello di congiunzione tra  terra e cielo :  il microcosmo sta facendo del suo meglio per trovare una relazione  col macrocosmo in un processo che è comunemente definito misticismo.

Questi alcuni dei benefici del kaoshikii :

1 Aumenta la longevità.

2 La spina dorsale diventa flessibile.

3 La mente diventa più acuta e più forte.

4 Regola le secrezioni ghiandolari.

5 Favorisce il controllo degli arti. 

6 Dà bellezza e splendore al viso e alla pelle.

7 Elimina la staticità e la letargia.

8 Cura l’insonnia.

9 Rimuove i complessi di paura.

10 Aiuta l’espressione della propria interiorità e sviluppa le potenzialità della persona.

Ad ogni movimento di questa danza corrisponde una ideazione mistica che la rende non solo un movimento fisico ma anche un esercizio psico-spirituale.

Vi sono in particolare 3 danze che tutti gli aspiranti tantrici dovrebbero imparare e insegnare a chiunque desideri conoscerle:

Kirtan  – Lalita Marmika ( danza psico-spirituale )  può essere praticata da tutti, a partire dalla più tenera infanzia.

Il Kiirtan (canto del Mantra Baba Nam Kevalam) è accompagnato generalmente da una danza spirituale detta Lalita Marmika (“voce dello spirito interiore”) . Durante questa danza si devono battere a terra l’alluce destro e sinistro in modo ritmico, tenendo le mani unite, all’altezza del Cakra del cuore o meglio ancora in alto, aperte a 90°, nel Mudra “dell’abbandono gioioso”.Questa danza fu inventata circa settemila anni fa da Parvati, la moglie di Shiva. In essa le braccia alzate che formano un angolo maggiore di novanta gradi hanno il significato di abbandono spirituale: “Oh, mio più caro, io sono tuo e Tu sei mio.”

I passi ritmici sciolgono le giunture e la ripetuta pressione sulla punta dell’alluce sollecita il nervo di collegamento alla ghiandola pineale che ha una funzione specifica: essa secerne un ormone che influenza le altre ghiandole inferiori e che crea l’elevato livello di Beatitudine.

Si consiglia di fare sempre un po’ di Kiirtan prima della meditazione. Aiuta a staccare meglio la mente dalle attività mondane e la concentra con più ideazione durante la meditazione. Il Kiirtan cantato durante la preparazione del cibo vibra di energia spirituale tutti gli alimenti. Le piante migliorano la loro crescita e le mucche danno un latte migliore.

Tandava

Il Tandava è una antica danza inventata settemila anni fa da Shiva, il grande yogi tuttora ricordato ed onorato in India.

Tandava deriva dalla parola “tandu” che significa saltare.  E’ una vigorosa danza praticata esclusivamente dagli uomini poichè biologicamente inadatta per le donne. Essa migliora gli aspetti psico-spirituali, dove sottili temi spirituali si intersecano ai vigorosi impulsi della vitalità.

La danza crea coraggio, forza di volontà, impavidità. Essa è uno dei migliori esercizi per il cervello ed inoltre acuisce la memoria. Quando le ginocchia superano il Manipura cakra (ombelico) di parlerà di Brahma Tandava, quando sorpassano L’Anahata Cakra si definirà Visnù Tandava, e quando superano il Vishudda cakra parleremo di Rudra Tandava.

Il danzatore tiene nelle mani un coltello o una torcia (pugno desto) e nella mano sinistra un teschio o un serpente: essi simbolizzano la lotta tra le forze della vita contro le forze della morte e dell’oscurità.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per il suo funzionamento e per le opzioni di condivisione sui social. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su Maggiori Informazioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento ne acconsenti l\'uso. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi